Quale ciclocomputer scegliere?

edge810_HR_083.5

Quali sono le variabili da considerare prima di comprare un ciclocomputer che soddisfi le proprie necessità?

Le abbiamo analizzate una ad una per aiutarvi a chiarire eventuali dubbi; a questo link potete invece leggere la recensione dei 5 ciclocomputer più popolari sul mercato messi a confronto.

Tipologie di corsa

Che tipo di giri farai? Come si usa la bicicletta determina che tipo di ciclocomputer si acquisterà. Le seguenti considerazioni ti aiuteranno a restringere la tua scelta.

  • Ti alleni più volte alla settimana, partecipi a corse di gruppo settimanalmente e alla corsa nel weekend? Se è così ciò che fa per te è un computer più avanzato con GPS abilitato e che può essere sincronizzato con un cardiofrequenzimetro, un misuratore di potenza e un sensore di cadenza. Il Garmin Edge 810 è un potente strumento di allenamento che rende facile analizzare i dati e registrare i tuoi progressi. Quando si investe una parte rilevante del tuo tempo e della tua energia nel ciclismo, avere un computer per biciclette che può tenere il passo è importante.

 

  • Se la tua bicicletta è il principale mezzo di trasporto tra biblioteca, scuola e lavoro, dove smontare il computer della bicicletta ogni volta che la chiudi con il lucchetto è una necessita? Se è così, puoi semplicemente usare l’applicazione Strava sul tuo cellulare, che può restare in tasca anche durante la corsa, o puoi acquistare un computer da bici basilare come il Cateye CCRD300W Strada Wireless che si smonta facilmente, è piccolo e non da nell’occhio in tasca. La durata della batteria e cadenza non sono opzioni necessarie per questa tipologia d’uso. Al loro posto l’attenzione dovrebbe essere posta sul display, sulla facilità d’uso e sulla resistenza all’acqua.

 

  • Utilizzi la bicicletta su per fare dei giri in compagnia con amici o per fare esercizio e vuoi sapere quanta strada hai fatto? Un computer da bici non costoso e basilare come il Bell F12 Bike Computer sarà sufficiente. In questo caso, essere il computer più leggero o avere un centinaio di funzioni non ti soddisferà affatto. Probabilmente non uscirai in caso di pioggia e l’opzione come GPS ( ad un prezzo più elevato) potrebbe darti più informazioni di quelle che necessiti.

Attacco alla bicicletta

Ci sono tanti tipi diversi di biciclette e assicurarsi che il ciclocomputer possa adattarsi è molto importante. I computer da bici senza fili come il Cateye Strada, il Sigma BC1009 e il Planet Bike Protege 9.0 richiedono una grande vicinanza tra il magnete del raggio e il sensore e tra il sensore e il computer. Un computer senza fili che si può montare su una bici da strada potrebbe non adattarsi in una mountain bike o una city bike. Per i computer che sono collegati tramite fili come il Sigma BC1609 o il Bell F12 ci si impiega più tempo per l’installazione ma si adattano ad una grande varietà di biciclette. I computer GPS non necessitano di nessun accessorio allegato, e finché la tua bicicletta avrà un manubrio non c’è alcun problema di installazione.

Funzioni Ciclocomputer

Similmente al tipo di corsa, si dovrebbe compare un ciclocomputer che si adatti alla tipologia di dati che si vogliono registrare. I computer che abbiamo testato spaziavano dal registrare la più basilare informazione come la velocità. la distanza e il tempo, ai dati più complessi come il battito cardiaco, la potenza, l’elevazione e molto altro. Il ciclocomputer più semplice e con meno opzioni è il Bell F12. Questo computer copre le funzioni basilari ed è perfetto per i giri domenicali. Il computer più avanzato che abbiamo testato è stato il Garmin Edge 810, che dispone di opzioni di giro, navigazione GPS e accesso alle mappe durante il viaggio. L’Edge 810 dispone di uno slot per una micro card SD per le mappe City Navigator riguardanti le zone interessate. Tipicamente, più opzioni sono incluse e più costoso il computer diventa. Se non si necessita di opzioni avanzate, un ciclocomputer poco costoso e semplice soddisferà i vostri bisogni. Guardare il Cateye Strada, il nostro vincitore del “Miglior Acquisto”. Per monitorare i parametri come la cadenza, la potenza, la frequenza cardiaca, allora un computer più complesso e costoso vale l’investimento.

GPS sulla bici: si o no?

L’Edge 810, l’Edge 200 e l’applicazione Strava sono tutti computer abilitati per il GPS. Uno dei vantaggi dell’utilizzo di un ciclocomputer GPS è la possibilità di riguardare le informazioni di ogni singola corsa. Si ha accesso ad una mappa accurata dei percorsi, compreso il profilo altimetrico, essendo messe in evidenza la salita e la discesa totali. Si possono visualizzare anche le misure totali di velocità media, velocità massima, tempo e distanza. Tuttavia, si possono vedere queste misurazioni in punti specifici della corsa. Per esempio, si può vedere quando stavi andando a 10 km/h su per la collina per poi prendere i 40 km/h durante la discesa. Ci sono molti siti web disponibili che usano il file GPS da questi computer per monitorare ed analizzare le corse. Garmin Connect è il sito affiliato con i computer Garmin Edge. Garmin ha fatto veramente un buon lavoro nel fornire gli strumenti necessari per analizzare una corsa e monitorare i progressi con questo sito. Strava è il sito associato con l’applicazione omonima; è simile al sito Garmin, ma offre un aspetto “social” in quanto è possibile postare le proprie performance e competere su specifici “segmenti” (sezioni della corsa) con altri utenti iscritti all’applicazione. Si possono caricare su Strava le attività dal proprio dispositivo Gramin ma non dall’applicazione Strava al sito Garmin.

Un altro vantaggio di un computer da bici con GPS è che si caratterizza come il modo più accurato di monitorare la velocità e la distanza. I computer che usano un magnete sul raggio e un sensore devono conoscere le dimensioni della ruota e possono diventare meno accurati nel momento in cui i pneumatici si sgonfiano o il peso del ciclista vari.

Se il GPS è in più rispetto a quello che stai cercando, la maggior parte degli altri computer per biciclette monitora la distanza complessiva percorsa con un contachilometri e ti permette di resettare le misurazioni ad ogni corsa.

Clicca qui per la tabella completa con i Pro e Contro per ciascuno dei 5 Ciclocomputer da noi testati

Facilità d’uso

Alcuni computer da bici richiedono un investimento iniziale di tempo prima di essere attivi. Questo include leggere i manuali, installare i sensori e familiarizzare con le opzioni. Altri computer semplicemente si agganciano e sono pronti per correre. L’applicazione Strava necessita solo di un veloce download e di una registrazione via Facebook per essere pronta all’uso. I ciclocomputer Garmin si attaccano molto velocemente alla bici, ma richiedono un po’ di tempo nella lettura del manuale prima di familiarizzare con il nuovo acquisto. Il Cateye Strada è stato veloce da impostare, essendo molto intuitivo e semplice nelle sue funzioni.

Bisogna, inoltre, considerare se si ha la necessità di consultare le informazioni durante l’attività quando si è in movimento o al termine della corsa. L’Edge 810 è stato il più facile da usare in sella con il suo schermo grande, touch screen e la sua capacità di mostrare 6 misurazioni alla volta. Anche l’Edge 200 è stato notevole per la facilità d’uso. Sebbene si impieghi un po’ di tempo per capire come utilizzare i pulsanti, l’interfaccia e il manu sono molto intuitivi, rendendo semplice la ricerca di informazioni durante la corsa, così come al suo termine. Al contrario l’applicazione Strava è stata facile da utilizzare scesi dalla bicicletta, ma lo schermo molto largo (relativamente) e le misurazioni limitate mostrate sul display lo rendono più difficile da usare mentre si è in sella.

Resistenza alle intemperie

Un’altra cosa da considerare è l’ esposizione alle intemperie del computer da bici. La maggior parte delle persone non va in bici quando piove o nevica, tuttavia c’è chi, stoicamente, decide di uscire anche in condizioni avverse o chi viene colto da tali condizioni meteo e non si può sottrarre. Strava utilizzando il vostro smartphone come supporto fisico è quella meno resistente agli agenti; tuttavia ci sono alcune parti aggiuntive per i cellulari che assicurano la totale impermeabilità (é da considerare come costo aggiuntivo). I computer da bici della Garmin sono stati i più resistenti all’acqua, capcai di resistere ad una (accidentale) immersione per 30 minuti.